Adesso che fai? vai via?

 

ADESSO CHE FAIAdesso che fai? vai via?
Questo è il titolo del progetto di Claudio Ciabochi editore, piccola casa editrice marchigiana, con base a Fabriano nel cuore dell’Appennino umbro-marchigiano.
Questa è anche la domanda che molti si sono posti dopo il sisma del 30 ottobre 2016.
E la risposta è ovviamente NO! E allora che fai?
Claudio Ciabochi dal canto suo, propone un modello di ricostruzione identitaria e culturale che parte dalla sua esperienza professionale di fotografo e piccolo editore di guide tascabili, e soprattutto riparte dalla bellezza dei luoghi feriti dal sisma, fotografati nel corso della sua carriera.
Una bellezza che vuole e deve tornare a risplendere: con questo auspicio nasce l’idea della pubblicazione “Adesso che fai? vai via?” e con la caparbia volontà di trasmettere un messaggio forte e chiaro, quello di far rinascere i luoghi vissuti ed amati da sempre, e di poter ricominciare dalle eccellenze di quei territori.
E con le sue uniche risorse sviluppa il progetto editoriale che è stato patrocinato dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche e dall’Arcidiocesi di Camerino e San Severino.
Un progetto fotografico che documenta le strutture e i borghi com’erano, ne testimonia le condizioni presenti, ma soprattutto guarda al futuro della ricostruzione: e proprio per questo l’intero ricavato della pubblicazione sarà devoluto al restauro del dipinto La pesca miracolosa, proveniente dalla cattedrale di Camerino.
A corredare il catalogo, un ricco apparato descrittivo redatto da storici dell’arte e professionisti dei beni culturali, oltre alla prefazione del prof. Tomaso Montanari, docente di Storia dell’Arte all’Università di Napoli, che con le parole di Gianni Rodari ci ricorda di non dimenticare mai il nostro patrimonio, che va salvaguardato e tenuto in vita anche attraverso progetti come questo, perché “Chi non parte, in verità / in nessun luogo arriverà”.

Lascia un commento