Archivio dell'autore: archeomega

Un’altra domenica alla Pinacoteca Molajoli

“Un’altra domenica” è la nuova iniziativa della Pinacoteca civica “Bruno Molajoli” di Fabriano che prevede una rassegna di appuntamenti dedicati alle famiglie e ai bambini dai 4 agli 11 anni.
A partire dal 15 ottobre, ogni domenica alle 16.30, sarà infatti disponibile una serie di attività laboratoriali per coinvolgere i più piccoli nella scoperta delle collezioni museali e del patrimonio culturale attraverso l’arte, la creatività e la sperimentazione. Continua a leggere

M.A. P. S. – Progetti per Scuole Secondarie di Secondo Grado

PROGETTO M.A.P.S.

Musei | Archeologia | Patrimonio | Scuola

Diamo il benvenuto al nuovo anno scolastico con un inedito progetto rivolto alle scuole secondarie di secondo grado.

Il progetto M.A.P.S. – Museo, Archeologia, Patrimonio,Scuola si aggiunge alla programmazione didattica già avviata presso il Museo Archeologico Nazionale delle Marche di Ancona e i musei archeologici di Arcevia, Cingoli e Numana e prevede una serie di moduli didattici volti all’approfondimento di specifici aspetti legati al territorio e al suo patrimonio.

In particolare si prevedono diverse tipologie di approfondimento legate agli specifici indirizzi di studio o al territorio di pertinenza e diverse modalità didattiche: dalla lezioni frontale ai percorsi museali, attività laboratoriali e trekking urbani. Continua a leggere

NaturalMente Arte – Giornate Europee del Patrimonio in Pinacoteca

Anche quest’anno la Pinacoteca civica “Bruno Molajoli” aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio in programma il 23 e 24 settembre. Il tema scelto dal Mibact per questa edizione è “Cultura e Natura”, per celebrare l’inscindibile legame tra l’uomo e l’ambiente che lo circonda, un argomento sempre attuale che consente di ripercorrere gli sviluppi artistici, e non solo, dell’uomo in relazione all’ambiente e alla natura.
“NaturalMente Arte” è l’evento organizzato dalla Pinacoteca civica in programma domenica 24 alle ore 16.30: ospite dell’incontro il presidente del WWF Marche Jacopo Angelini che, insieme agli operatori museali, guiderà il percorso ponendo l’accento sull’evoluzione del paesaggio nei secoli e su come l’ambiente abbia influenzato le scelte insediative dell’uomo. Ad una breve presentazione introduttiva del territorio seguirà la visita della collezione incentrata sul rapporto tra l’uomo e il paesaggio, nonché sull’evoluzione artistica della sua rappresentazione. Il percorso sarà accompagnato da effetti sonori a tema.

L’evento, organizzato dalla Pinacoteca civica “Bruno Molajoli” in collaborazione con Archeomega soc. coop. e il Dott. Jacopo Angelini, è gratuito e aperto a tutti.
Per questioni organizzative è gradita la prenotazione al numero 0732 250658 (da martedì a domenica h 10-13 e 15-18) o via mail all’indirizzo pinacoteca.molajoli@comune.fabriano.an.it

Per le giornate di sabato 23 e domenica 24 l’ingresso in Pinacoteca sarà gratuito.

 

Attività didattiche Pinacoteca Molajoli Fabriano 2017

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Scuole al museo: non chiamatele gite!

Una delle più grandi soddisfazioni per un educatore museale, è riuscire a coinvolgere e ad appassionare i giovani studenti delle superiori che arrivano in visita al museo, a volte con grandi aspettative, a volte senza troppo interesse; di sicuro tutti, con l’entusiasmo tipico di una giornata diversa dalla solita routine scolastica. Enorme soddisfazione quindi, é vederli uscire con quella curiosità non del tutto appagata e ancora mille domande sulla punta della lingua.
Ma soddisfazione ancora più grande è far divenire la loro esperienza in museo uno stimolo per un progetto scolastico: complici la dedizione e la passione delle proprie insegnanti, ovviamente!

Apertura area archeologica di Attidium

L’area archeologica di Attidium, a pochi chilometri da Fabriano, si apre al pubblico e nel periodo estivo l’importante complesso termale del municipio romano sarà visitabile da martedì a sabato dalle ore 16 alle 19 e in altro orario su prenotazione (mob. 377 2816804 / mail info@archeomega.com).

Grazie alla collaborazione con Arte Picena, archeologi professionisti specializzati in archeologia sperimentale, si prevedono inoltre delle attività rivolte alle famiglie: venerdì 18 agosto alle ore 17.30 i ragazzi potranno cimentarsi nella realizzazione di antiche lucerne romane e venerdì 1 settembre nello stesso orario, nella lavorazione dei metalli, in particolare per la produzione di fibule.

Dal 24 al 27 agosto, in concomitanza con la manifestazione Attidium Romanum, si prevedono visite guidate gratuite all’area.

Le attività si svolgeranno in qualsiasi condizione meteorologica Continua a leggere

Chi trova un piceno trova un tesoro!

In collaborazione con i colleghi di Archeo in Progress una caccia al tesoro tutta picena nelle splendide sale dell’Antiquarium di Numana, la cui protagonista assoluta è la Tomba della Regina! L’appuntamento ogni giovedì pomeriggio dal 17 luglio al 31 agosto e l’ultimo giovedì di ogni mese in compagnia di Mamma Cult.

Storie dalla terra al museo

Qualunque archeologo italiano ha studiato l’imprescindibile “Storie dalla terra”, primo manuale scientifico di stratigrafia in Italia. Ancora prima di rappresentare la bibbia dello scavo archeologico, è un volume che fa riflettere per la genialità del titolo che in sole tre parole riassume la potenza comunicativa di una disciplina come l’archeologia, in grado di raccontarci anche la storia più sconosciuta e apparentemente più insignificante, se non viene poi messa in relazione con le altre “storie” di uno scavo, di un sito, di un territorio, di una cultura, di un popolo. Continua a leggere

Adesso che fai? vai via?

 

ADESSO CHE FAIAdesso che fai? vai via?
Questo è il titolo del progetto di Claudio Ciabochi editore, piccola casa editrice marchigiana, con base a Fabriano nel cuore dell’Appennino umbro-marchigiano.
Questa è anche la domanda che molti si sono posti dopo il sisma del 30 ottobre 2016.
E la risposta è ovviamente NO! E allora che fai?
Claudio Ciabochi dal canto suo, propone un modello di ricostruzione identitaria e culturale che parte dalla sua esperienza professionale di fotografo e piccolo editore di guide tascabili, e soprattutto riparte dalla bellezza dei luoghi feriti dal sisma, fotografati nel corso della sua carriera. Continua a leggere