EDUCtour a Fabriano

Tutta rivolta al mondo della scuola, l’iniziativa che il Museo della Carta e della Filigrana di Fabriano, ha organizzato venerdì 29 Novembre presso il Complesso museale di S. Benedetto, in collaborazione con Archeomega, per farne conoscere l’intera offerta di didattica museale. L’evento rientra nelle finalità del progetto “Il flauto magico: la stampa chimica e fisica del suono” sostenuto dalla Regione Marche per incrementare l’offerta didattica dei musei tecnico-scientifici delle Marche. Tanti infatti i laboratori attivi presso le strutture dell’ex convento, che arricchiscono il panorama delle attività dei musei civici di Fabriano, in cui ogni scuola, può davvero trovare e calibrare percorsi di visita ed esperienze didattiche adatte ad ogni fascia di età, oltre a poter scegliere il pacchetto Mille Passi in Centro, biglietto unico con cui avere accesso a tutte le strutture museali.

I laboratori verranno presentati al mattino ad alcune classi, mentre nel pomeriggio l’ingresso, è riservato ai docenti, ai dirigenti scolastici e agli operatori del turismo scolastico.
Le attività spaziano dalla musica alla scrittura, dall’archeologia alla litografia, e riguardano la sezione dedicata alla stampa del Museo della Carta e della Filigrana, denominata “Civiltà della Scrittura”, la mostra archeologica “Piceni e Celti lungo le rive del Giano” e il Museo del Pianoforte storico e del Suono.
I laboratori attivi presso il museo della stampa, rappresentano un viaggio nel mondo della comunicazione, dalla storia della scrittura nell’antichità nel laboratorio “Scripta manent”, per arrivare all’età moderna, con l’epocale invenzione della stampa. E proprio con l’uso dei caratteri mobili si cimenteranno i ragazzi nel laboratorio di tipografia, per poi provare direttamente l’esperienza della stampa al torchio. La litografia sarà invece la protagonista dell’attività denominata “Il flauto magico”, che prende il nome dall’opera di Mozart, primo documento ad essere stampato con questa tecnica, che verrà fatta sperimentare agli studenti, per poi proseguire con la visita al Museo del Pianoforte storico e del Suono, dove lo spartito appena stampato, prenderà vita grazie alle mani del pianista.
I laboratori di archeologia, attivi invece presso la mostra Piceni e Celti, e da quest’anno anche presso l’area archeologica di Attidium, verranno curati da Archeomega, professionisti di didattica museale, e offriranno infine uno spaccato sul mestiere dell’archeologo facendo cimentare i ragazzi nelle attività sperimentali di simulazione di scavo e di rilievo archeologico, oltre a proporre anche laboratori legati ad aspetti della vita quotidiana nell’antichità, come la produzione ceramica, la tecnica decorativa del mosaico, e la storia dell’alimentazione.
Per info sull’Eductour è possibile contattare il centro I.A.T. (Informazioni e Accoglienza Turistica) al numero 0732 625067, aperto da martedì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.

SCARICA IL PROGRAMMA

Lascia un commento