Nuova stagione didattica con Archeomega

Ripartono le attività di didattica museale di Archeomega con un programma ricco di novità: proseguono le attività alla mostra archeologica “Piceni e Celti lungo le rive del Giano”, e da quest’anno nuovi laboratori anche presso l’area archeologica di Attidium e il Museo della Carta e della Filigrana. Dai laboratori metodologici di simulazione di scavo e rilievo archeologico a quelli sulla vita quotidiana sull’alimentazione e la scrittura, alle nuove attività sulla comunicazione scritta.

INFO
mob. 3772816804
info@archeomega.com

Continuano i laboratori di alimentazione nell’antichità, rilievo archeologico e simulazione di scavo, quest’anno predisposto anche per le scuole secondarie di primo e secondo grado, ed è stata inoltre attivata una nuova attività di ceramica rivolta alle scuole dell’infanzia e alle prime classi della primaria. Tutti questi laboratori si svolgono sempre presso la mostra archeologica “Piceni e Celti lungo le rive del Giano” allestita presso il Complesso S. Benedetto di Fabriano.

In partenza inoltre la nuova attività riguardante le tecniche edilizie in età romana con laboratorio sul mosaico, pensato per l’area archeologica di Attidium (in località Attiggio di Fabriano), rivolto alla primaria e alle secondarie di primo grado.
Grande novità di quest’anno scolastico l’introduzione delle attività legate al mondo della comunicazione e della stampa, pensate per la nuova sezione del Museo della Carta e della Filigrana, dedicata appunto alla stampa: un vero e proprio viaggio nel mondo della comunicazione a 360° dall’arte rupestre agli antichi alfabeti, dai supporti utilizzati per la scrittura alle tecniche di stampa. Un primo laboratorio dedicato proprio alla civiltà della scrittura e un secondo dedicato alla stampa tipografica: le attività possono essere svolte dalle ultime classi della primaria e dalle secondarie di primo e secondo grado.
Altra novità di quest’anno, la possibilità di organizzare itinerari guidati accompagnati da guide turistiche abilitate per la provincia di Ancona.

Lascia un commento